pucce tarantine

La Puccia tarantina: dimmi quale mangi e ti dirò chi sei

La Puccia tarantina è un must per le gole della nostra città. Dimmi che tipo di puccia mangi e ti dirò chi sei.

La puccia tarantina, diciamolo, è il nirvana del palato, il non plus ultra delle papille gustative. Ce l’abbiamo solo noi, al Sud, nella profonda terronia. E ci dispiace per i polentoni che, anziché ingozzarsi con le prelibatezze con cui farciamo questa bomba calorica della cucina pugliese d’antan, si accontentano di cibi succinti con un appeal che rasenta lo zero.

Solo a parlarne mi viene l’acquolina in bocca, oltre che la pelle a buccia d’arancia. Ma questa è un’altra storia. D’altronde, resistere a 30 centimetri di bontà (condimento annesso) la vedo una cosa impossibile. Dimmi quale puccia mangi e ti dirò chi sei.

Il naturalista – Puccia con le verdure

È una contraddizione di genere. La puccia è sudicia, calorica, grassa. Che ci azzecca una montagna di verdure in un panino deputato geneticamente ad accogliere carne, carne come se piovesse. Ok, il senso di colpa ti assale e scansi uccelletti e patatine come la peste, però il tuo posto è in un orto. Non in una pucceria. Sei senza dubbio un Naturalista.

Il conservatore – Puccia wurstel e patatine

Ammettilo, ti piace vincere facile. La puccia con wurstel e patatine è per i tipi Conservatori, quelli che non amano rischiare. Insomma, gli habitué che, senza pretesa alcuna, hanno in testa solo questi due ingredienti. L’accoppiata è senza dubbio vincente e lo sarà nei secoli seculorum, ma oltre la patata c’è di più.

Il salutista – Puccia pomodoro e mozzarella

La puccia tarantina del Salutista

La puccia tarantina del Salutista

Ottima, la caprese. Per carità. Ma la puccia con pomodoro e mozzarella mi sa tanto di pizza Margherita rivisitata. Quando la nutrizionista ti suggerisce nel supercalifragilistichespiralidoso piano alimentare, cazzonesò, formaggi e verdure accompagnati da 50 grammi di pane, non intende “Vai al Santa Caterina e sfondati con 2 chili di puccia pomodoro e mozzarella.” Salutista? Lo stai facendo nel modo sbagliato.

Lo sgorrotto – Puccia Poldo

Rullo di tamburi, amici e amiche, per l’ormai nota Puccia Poldo: simbolo del fast food locale e puccia tarantina per eccellenza. Farcita con ogni ben di Dio – uccelletti, salumi, salsiccia, wurstel, patatine, insalata e pomodori (condimento base: nota per il Salutista), il tutto innaffiato da quantità industriali di ketchup e maionese – è una di quelle buone ragioni per digiunare una settimana intera.

Lo Sgorrotto lo sa, sa che per mangiare una puccia Poldo ha bisogno di tre cose: una settimana di preparazione intestinale, forza di volontà e il supporto di almeno 2 Raffo. A lui va la nostra totale ammirazione, oltre che una compressa di Maalox per digerire, si intende.

 

Credits photo: Luca Conti (img interna) – mangiarebuono.it (img in evidenza)

 

2 commenti
  1. Cosimo
    Cosimo dice:

    Mi spiace per tutti quelli che la Puccini la mangiano con le varianti moderne.
    La Puccini va mangiata con : pomodoro, peperoni arrostiti e lampasciuni o, in alternativa cipolla rossa, condita con sale, pepe e olio d’oliva olearia secolare.
    Buon appetito da un tarantino doc.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *