ghost

5 film da vedere a San Valentino

San Valentino è alle porte. Che sia o meno una sciagura, poco importa. Rassegniamoci all’idea che il 14 febbraio l’aria sarà densa di cuori e peluche lesivi per il subconscio di qualsiasi essere vivente dotato di buona ragione.

Ammettiamolo, l’amore è uno degli argomenti più sviscerati sui social, nei libri e nelle conversazioni con amiche o amici. Figuriamoci il giorno di San Valentino, dove ovunque campeggeranno frasi e dediche al limite della carie.

Per ovviare a questo cataclisma collettivo, ti suggeriamo un modo alternativo per dire “Ti amo” e trascorrere il 14 febbraio: con un film!

Ecco 5 film da guardare con la tua dolce metà il giorno di San Valentino.

1. Colazione da Tiffany

Colazione da Tiffany

Colazione da Tiffany

Caffè nero, croissant da passeggio, fili di perle e occhiali Rayban Wayfarer al ritmo di Moon River di fronte alla vetrina di Tiffany sulla Fifth Avenue: è uno dei modi migliori per trascorrere San Valentino. L’eleganza, lo stile e i dialoghi di Colazione da Tiffany consacrano questo film come uno dei più romantici mai realizzati. Senza scadere nella banalità quasi soffocante delle pellicole contemporanee Federico Moccia style.

Nonostante il personaggio incantevole e leggiadro da un lato, complesso e divertente dall’altro e incline – almeno all’inizio – ad evitare qualsiasi relazione sentimentale troppo coinvolgente, la Hepburn getta via qualsiasi moralismo coronando il suo disordine spirituale con una storia d’amore appassionante.

“Lui è buono, vero gatto? Su, vieni qua, povero amore, povero amore senza nome… ma io penso che non ho il diritto di dargli un nome… perché in fondo noi due non ci apparteniamo, è stato un incontro casuale. E poi non voglio possedere niente, finché non avrò trovato un posto che mi vada a genio… non so ancora dove sarà, ma so com’è.”

2. Vi presento Joe Black

Vi presento Joe Black

Vi presento Joe Black

E’ la storia di un miliardario che sente voci inspiegabili. Eppure la spiegazione c’è: è arrivato nella sua villa il bel Joe Black interpretato da Brad Pitt, che già mi pare un bel modo per trascorrere San Valentino. Ad innamorarsi di lui è Susan, ignara del fatto che si tratti dell’Angelo della Morte venuto a prendere Hopkins. Gli amanti dell’amore noir non possono non vedere questo film che vede un Brad Pitt tenebroso, diviso in due dall’idea dell’amore da un lato e l’idea della morte dall’altro. Nonostante il bell’attore impersonifichi la sorte più ineludibile, restituisce allo schermo un’interpretazione dolce e generosa in cui l’amore la fa da padrone.

“Ho amato Susan dal momento in cui è nata e la amo sempre con lo stesso affetto. Quello che sogno è un uomo che la scopra e che lei scopra un uomo che sappia amarla, che sia degno si lei, che sia di questo mondo, di questo tempo, che abbia la grazia, la compassione e la forza di starle accanto mentre lei avanza in questa bella cosa chiamata vita.”

3. Midnight in Paris

Midnight in Paris

Midnight in Paris

Prendi Woody Allen, le musiche di Stephane Wrembel e Parigi, La Mecca dei grandi amori. Il risultato non può che essere ottimo. Non sarà una delle migliori pellicole “alleniane”, ma Midnight in Paris accompagna lo spettatore attraverso un viaggio pregno di fantasia e passione.

Midnight in Paris è una storia romantica ambientata a Parigi, nella quale s’intrecciano le vicende di una famiglia, in Francia per affari, e di due giovani fidanzati prossimi alle nozze; tutti alle prese con esperienze che cambieranno per sempre le loro vite. Il film, però, è anche la storia del grande amore di un giovane uomo per una città, Parigi e dell’illusione di tutti coloro che pensano che se avessero avuto una vita diversa sarebbero stati molto più felici.

“L’amore vero crea una tregua dalla morte!”

4. Il cielo sopra Berlino

Il cielo sopra Berlino

Il cielo sopra Berlino

Sopra Berlino, nelle sue vie e nei suoi edifici, si aggirano innumerevoli angeli non visibili agli adulti ma individuati dai bambini. Possono sentire i pensieri di ognuno e cercare, mettendosi loro accanto, di lenire i dolori dei più sofferenti. Due di loro, Damiel e Cassiel, si ritrovano periodicamente per raccontarsi le reciproche esperienze. Damiel è quello a cui pesa maggiormente la propria condizione: vorrebbe poter diventare uomo per percepire il senso della materia e della quotidianità. Grazie a una trapezista e a un attore riuscirà a prendere una decisione fondamentale.

L’intera pellicola è attraversata da una visione malinconica, a tratti tenera. Possiamo considerare “Il cielo sopra Berlino” una lettera d’amore; quella del regista, Wim Wenders, alla sua Germania: città difficile, tormentata in cui l’amore pare essere l’unica vera salvezza.

“Non c’e storia più grande della nostra: quella mia e tua, dell’uomo e della donna. Sarà una storia di giganti: invisibili, riproducibili. Sarà una storia di nuovi progenitori.”

 5. Ghost

La classica storia sentimentale che ha strappato e continua a strappare più di qualche lacrima. Ghost è uno di quei must che non puoi non aver visto; un intreccio di corpi, di mani, di carni e silenzi. Ghost è la storia romantica per antonomasia, che ha coronato Patrick Swayze e Demi Moore la coppia cinematografica per eccellenza. Il tutto amalgamato da una colonna sonora destinata a diventare celebre nei secoli.

Se non l’hai mai visto, è giunto il momento di rimediare. E San Valentino potrebbe essere l’occasione perfetta.

“Ti amo si dice troppo spesso, ormai non sa più di niente.”

 

Photo credits: trailersmashine.com (img in evidenza) – letteradonna.it (Colazione da Tiffany) – www.kjendis.no (Vi presento Joe Black) – recensioniribelli.blogspot.com (Midnight in Paris) – it.wikipedia.org (Il cielo sopra Berlino)

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *