paisiello

Chi era Giovanni Paisiello, genio tarantino della musica?

Il centro storico di Taranto celebrerà Giovanni Paisiello il prossimo 2 settembre. Ti racconto alcune cose che forse non sai.

Il centro storico di Taranto torna a far parlare bene di sé grazie alla XIV edizione del “Giovanni Paisiello Festival”, che avrà inizio il prossimo 2 settembre, fino al 20 ottobre, con una ricca rassegna di spettacoli. Il tutto organizzato non solo per appassionati di musica settecentesca, ma soprattutto per offrire alla città un’occasione utile per riappropriarsi della sua identità culturale.

Si inizia con la ‘Notte Paisielliana’ il 2 settembre per l’appunto, in cui ogni angolo del centro storico, chiostri, chiese, vicoli, saranno animati da sottofondi musicali, che rievocheranno in un certo senso, quella che è l’arte di Paisiello.

L’8 settembre sulle terrazze dell’Akropolis sarà presentata la biografia del musicista.
Il 12 e 13 settembre presso il Museo Diocesano, ci sarà la rappresentazione di “Nina, o sia la pazza per amore”, uno dei titoli preferiti dall’operista, diretto da Giovanni Di Stefano.
Il 23 settembre, presso il caffè letterario “Cibo per la mente” ci sarà una rappresentazione semiscenica del celeberrimo “Barbiere di Siviglia.”
Il 28 settembre presso il Duomo di San Cataldo ci saranno concerti a cura dell’Orchestra dell’Istituto di Alta Formazione Musicale “Giovanni Paisiello” di Taranto.
Sempre presso il Duomo di San Cataldo, il 3 ottobre, vi sarà l’esecuzione integrale della Missa Defunctorum.
Il 6, 7 e 13 ottobre, negli ambiti degli incontri conviviali (degustazione per il corpo e per la mente) vi saranno altri momenti musicali.
Il 10 ottobre a Palazzo di Città, si terrà invece un incontro di studi in cui saranno illustrate le ultime ricerche sull’attività accademica di Giovanni Paisiello.
La rassegna si concluderà il 20 ottobre presso il Teatro Orfeo con i “Tre Buffi.”

Per arrivare preparati all’evento, scopriamo chi è quello che, ad oggi, è considerato un genio della musica.

Giovanni Paisiello, detto “o’tarentino”,  è stato un tarantino doc, tra i più noti operisti del XVIII secolo. Formatosi a Napoli, dove visse la maggior parte della sua vita (fatta eccezione dei soggiorni a San Pietroburgo e a Parigi), pare abbia praticato quasi ogni genere musicale del suo tempo (specie in ambito sacro). Anche se la sua importanza storica è legata pure alla produzione teatrale, in cui si annovera almeno un centinaio di opere serie e buffe.

Quello che tuttavia mi ha colpito di Paisiello, quando l’altra sera mi sono ritrovata a sfogliare La Rassegna Pugliese di Scienze Lettere e Arti – un libricino datato 1913 -, è che in base alla descrizione che ne ha fatto Vito Forleo, noto scrittore tarantino, ho scoperto che il maestro era un uomo vanesio.

Un po’ lo si intuisce dal ritratto che la francese Elisabetta Vigée Le Brun gli fece – Paisiello mentre compone – dal quale emerge un evidente vanità, un po’ di quella toilette pour la posterité che rende la “narrazione” artistica così piacevole ed elegante.

Non solo: alcuni ricordano un Paisiello avvenente, grande di statura e con una fisionomia dolce come la sua musica. Giacomo Gotifredo Ferrari, compositore italiano, lo ricorda elegante nel vestire e pare – a suo dire – che trascorresse almeno due ore al giorno nella sua toilette per farsi radere e acconciare la testa. Paisiello era un uomo straordinario e sommo, nei suoi occhi vivi e scintillanti e sulla sua fronte maestosa si leggeva l’ispirazione divina da cui era animato. L’elevatezza della sua mente e l’espressione del cuore – scrive il teologo e professore universitario Cavalier Luigi Cassitto – erano palpabili.

istituto paisiello taranto

Non vi è dubbio alcuno che Paisiello sia stato il primo sommo operista di genio innovatore del ‘700, precursore autentico di Gioacchino Rossini. Al punto tale da stregare con le sue opere Napoleone Bonaparte che gli commissionò la musica della sua incoronazione.

Insomma, un personaggio di cui Taranto dovrebbe andare fiera, un maestro da cui la città dovrebbe trarre godimento celebrandone grandezza e maestria.

Leggi la biografia di Giovanni Paisiello

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *