panzerotti in brasile

Il panzerotto pugliese in Brasile si vende su un triciclo: l’idea di Rossella

L’ho letta su mondo.tv la notizia di Rossella Speranza, che vende panzerotti in Brasile a bordo di un triciclo.

Siamo tutti d’accordo sul fatto che mangiare il panzerotto in ogni parte del mondo debba essere un dovere sociale, vero? Bene, un passo importante l’ha mosso Rossella Speranza – e il cognome mi pare già di buon auspicio – che ha pensato bene di esportare in Brasile uno degli alimenti più amati nella nostra regione.

Abbracciando l’ormai diffusa filosofia dello street food, Rossella ha deciso di costruire la sua idea imprenditoriale per strada. Nonostante le iniziali difficoltà dovute al fatto che l’Ape Piaggio – che tanto le piaceva – non viene importata in Brasile, la nostra paladina del panzerotto pugliese ha trovato un degno sostituto realizzato proprio in Brasile: un mototriciclo con 200cc di cilindrata.

impasto panzerotti

Le cose sono andate così: pronto il prototipo, Rossella si è messa alla ricerca del mercato in cui agire e dopo la pubblicazione di un bando da parte della Prefettura di Rio de Janeiro, decide di parteciparvi e, indovinate, viene selezionata.

Da due mesi circa, può vendere cibo in strada nei luoghi specifici che le sono stati assegnati tramite sorteggio; lo stesso è accaduto agli altri 38 food truck che hanno passato la selezione.

La strada è diventata, in questo modo, anche uno strumento di marketing. Sì, perché Rossella ottiene non poca visibilità con l’attività che ha messo su ricevendo addirittura inviti ad eventi che sono la fonte di guadagno principale.

DSC_0276

La domanda d’obbligo però è: ma i panzerotti, vengono preparati con gli ingredienti richiesti dalla tradizione pugliese?

“A Rio si trova una mozzarella molto buona prodotta da un’azienda fondata 15 anni fa da pugliesi – spiega Rossella, che ha alle spalle 3 anni di scuola di cucina -, il pomodoro è importato dall’Italia così come l’olio per friggere. La farina è argentina. Il resto è prodotto in Brasile. Ai brasiliani stanno piacendo molto soprattutto nella zona Sul di Rio che è quella benestante, mentre nelle zone popolari si ritiene che il prodotto abbia un costo alto anche perché il panzerotto assomiglia al pastel brasiliano, che ha un prezzo pari alla metà e, in apparenza, una dimensione maggiore.”

Non resta che farle un grosso in bocca al lupo.

Fonte della notizia: www.ilmondo.tv

Photo credits: Ken Owen (img mani che impastano) – Paola Sucato (img panzerotti)

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *