copertina_akropolis

3 buoni motivi per festeggiare il Capodanno all’Akropolis di Taranto

Capodanno è alle porte e se ancora, come me, non hai idea su come e dove festeggiarlo ti do una dritta niente male.

Premesso che preferirei enunciare la teoria della relatività anziché rispondere alla domanda “E tu che fai a Capodanno?”, devo e dobbiamo fare i conti con il fatto che il 31 dicembre è alle porte e diventa quasi obbligatorio organizzarsi per i festeggiamenti dell’ultimo dell’anno.

I tarantini, in questo senso, si dividono in 3 categorie: la categoria “Affitto una villa (dopo aver fatto scorta di alcolici all’Auchan)” – quella del “Sparo bombe a terremoto dal balcone di casa” – e infine “Taglio la testa al toro e mi concedo un veglione organizzato ad hoc.”

akropolis8

Ora, la prima ipotesi richiederebbe un’organizzazione non indifferente e di fatto fuori dalla portata di un tarantino che tutto vuole fare a Capodanno fuorché sbattersi per: contattare proprietario della villa, amici, conoscenti, ripulire la villa alla fine della fiera. La seconda, invece, suggerisce un’indole da militante dell’Isis che francamente non mi appartiene. Sì, perché a Capodanno Taranto si trasforma in una piccola Baghdad, si svuota di gente fino all’una di notte inoltrate e ospita sui marciapiedi un campionario invidiabile di divani, lavatrici, cassonetti divelti, minicicciole, bengala e tricche e ballacche.

Non resta che la terza soluzione: il veglione! E, bada bene, non mi riferisco a quelle feste organizzate in cui pare di essere in un cinepanettone. Affatto! Ecco perché trovo che l’Hotel Akropolis a Taranto Vecchia sia il posto ideale dove trascorrere l’ultimo dell’anno, ma soprattutto ti dà 3 buoni motivi per cui rinunciare a questa storica e deliziosa struttura è impossibile.

Sfoglia la gallery

Guardare la città da un’altra prospettiva

MME_3721

Ci sono stata parecchie volte all’Hotel Akropolis, nel cuore di Taranto, e la vista che si gode dalla terrazza di questo albergo – che abbraccia il mare, il campanile della Cattedrale di San Cataldo e l’arrogante architettura tarantina – è senza eguali. Ti assicuro che non potrai fare a meno di concludere l’anno con un sorriso in più.

Viziarsi un po’ con un ventaglio di opportunità

L’Akropolis le ha pensate tutte, accontentando qualsiasi fascia d’età, tarantini e non. Da una parte, infatti, ti dà la possibilità di scegliere tra il pacchetto completo che comprende: pernottamento, gran cenone di San Silvestro con accompagnamento di musica live, brindisi di mezzanotte, piatto di lenticchie augurali, gran party con dj set a cura di Francesco Contessa, balli e Pranzo di Capodanno il giorno seguente. Il tutto alla modica cifra di 150 euro.

Dall’altra, invece, chi non volesse pernottare può anche solo cenare (con 70 euro) oppure – e mi riferisco ai giovani festaioli tarantini che abdicano volentieri al Gran Cenone – partecipare al party di mezzanotte nella taverna dell’Hotel pagando solo 15 euro che ti danno diritto a: spumante, panettone e lenticchie, al ritmo della musica di Dj Danyer. Che vuoi di più?

akropolis2

Godersi la buona cucina in un posto da favola

Non che i tarantini aspettino l’ultimo dell’anno per concedersi la grande mangiata festiva. In Puglia, infatti, siamo abituati a sederci a tavola il 24 sera e a rialzarci il 26 pomeriggio. Con qualche intermezzo, nemmeno troppo breve, tra una giornata e l’altra per consumare tutto ciò che mamme e nonne, indefesse, hanno preparato per un esercito di affamati. Fino all’ulteriore reunion del 31 dicembre.

Quest’anno, però, perché non rinunci a cucinare per gli altri e ti regali un po’ di tempo in una location da favola? Coccolati con il menù dell’Akropolis e, insieme ad amici e parenti, gusta i sapori della Puglia e di tutte quelle prelibatezze nostrane che l’hotel ha in serbo per te. Scommettiamo che non te ne penti?

Scopri l’evento “Capodanno speciale – Aspettando il 2016”

Scopri la Pagina Facebook dell’Hotel Akropolis

Le Fogge Hotel Akropolis
Via Vico I Seminario – Taranto
Tel. 099 4704110
Email: info@hotelakropolis.it

 

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *