lumache giganti

Taranto è invasa da lumache giganti e colorate!

Lumache giganti e colorate arrivano a Taranto.

Pare che il detto “Chi va piano va sano e va lontano” abbia riscosso successo sulle lumache di Martino Zingarelli, che ha dato vita ad una serie coloratissima e simpatica di chiocciole. Martino mastica arte fin da giovanissimo, a 21 anni è già vincitore di parecchie borse di studio e lavora nella realtà della lirica presso la Scala di Milano.

lumaca

martino zingarelli

Tra le sue esperienze professionali conta alcuni laboratori scenografici a Firenze, dove si forma in Accademia, e collaborazioni con nomi importanti quali Zeffirelli, Marcucci, Ronconi. “Da loro ho imparato a restare sempre con i piedi per terra – mi racconta Martino – ecco perché, ancora oggi e nonostante le tante esperienze che conto, mi considero un artigiano dell’arte.”

Ma veniamo alle lumache. Sì, perché a farmi incontrare casualmente Martino Zingarelli sono state proprio queste chiocciole imponenti che lui, qualche giorno fa, stava realizzando e colorando per allestire una celebre location tarantina, lo Yachting Club. Non appena l’ho visto all’opera, con le mani ricoperte di colore e polistirolo, incuriosita gli ho chiesto di raccontarmi la sua storia e il motivo per cui avesse scelto proprio le lumache per celebrare l’inaugurazione del locale dove ci siamo ritrovati.

lumaca2

“Parlando con amici biologi e ambientalisti – dice Martino – sono venuto a conoscenza del fatto che se salvi una lumaca, salvi tutta la specie. Ecco perché conserva un significato importante a livello ambientale. Tra l’altro la lumaca è un animale indipendente, che arriva ovunque. Non è un caso che abbia attraversato, artisticamente parlando, tutto il mondo; da Sidney, a Los Angeles e New York.”

Fino a Taranto, che ha ospitato questo esercito di chiocciole fluo, che fa sorridere e riflettere. Che regala un po’ di bellezza alla città e gratifica gli occhi ma anche lo spirito e il cuore; che è, in fondo, il ruolo dell’arte.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *