taranto_siracusa

Le pagelle scapocchione: Taranto vs. Siracusa

Torniamo con le pagelle “scapocchione” dopo la partita Taranto – Siracusa.

Il Siracusa è uscito dallo stadio “Erasmo Iacovone” con un punticino più prezioso del freno a mano quando non riesci a partire in salita, Baiocco in pullman ha scoperto tramite Wathsapp di essere diventato bisnonno e prenota la visita alla prostata, io invece ero seduto in gradinata accanto ad un vecchio che sembrava un telecronista Rai del ’40, che insultava i giocatori del Taranto usando, nel 2016, parole come “Mascalzoni!!!!”, oppure che confondeva i nomi dei giocatori sostituendo Magnaghi con: “Ma lanciala a Pernanghi.” Passiamo ai voti.

MAURANTONIO

Roberto Maurantonio 6.5: terza prova positiva per il portiere rossoblu che ho soprannominato “Er Bufalo” per la stretta somiglianza all’attore di “Romanzo Criminale”.

Ostenta così tanta sicurezza tra i pali che Obama sfancula l’Intelligence e assolda Maurantonio alla Casa Bianca per sventare la minaccia Isis.

Senza titolo-1
Compie un mezzo miracolo al 13’ del primo tempo e intanto Makarov, che era arrivato per giocare titolare, ha abbandonato il calcio per allenarsi al Palamazzola insieme a Zaytsev per le olimpiadi di pallavolo di Tokyo 2020.

LUCCHETTO DELLA MOTO VOTO 6.5

PAMBIANCHI

Francesco Pambianchi 6.5: ogni volta che effettua un anticipo pulito sugli avversari, i video di Nesta su Youtube perdono 3000 visualizzazioni.

Penso che oggi sarebbe stato più facile fare colpo su Belen argomentando un discorso sulla funzione delle ghiandole sudoripare nel nostro corpo che non superare il capitano rossoblu.

MURA DI ALCATRAZ VOTO 6.5

ERRICO ALTOBELLO

Errico Altobello 6: si dice che in estate Stendardo gli abbia fatto trovare una testa di asino mozzata nel letto con annesso un bigliettino: “o la spazzi o la spazzi”.

Preciso nei disimpegni e nella fase difensiva, gli riesce più facile spazzare la palla ogni 7 secondi che non sfigurare nella difesa a 3. Perde 10 followers su Instagram e l’autostima quando lo speaker, annunciando le formazioni, lo chiama: “ALTOBELLI.”

SPAZZACAMIN SPAZZACAMIN VOTO 6

MARIANO STENDARDO

stendardo

Mariano Stendardo 6.5: i giocatori del Siracusa entrano in campo giusto il tempo di accorgersi che risulta esserci più libertà di stampa in Corea Del Nord che non con la palla tra i piedi dalle parti di Stendardo.

Al quarto duello vinto, Cobolli Gigli interrompe “90’ Minuto” e recita un mea culpa in croato per aver fatto approdare nel 2008 il fratello Guglielmo e non lui alla Juventus.

MORTAL KOMBAT VOTO 6.5

FRANCESCO DE GIORGI

Francesco de Giorgi 6.5: parte fortissimo nel primo tempo manco le “Total 90” sotto i jeans nel 2003, al 5’ minuto decide di prendere palla e scartarsi mezza serie C giusto per far capire alle 2000 presenti allo stadio che “l’esterno” non è una zona dello Yachting dove ci si abbassano i pantaloni ma un ruolo di centrocampo.

Tanta corsa e fiato, a fine partita imbastisce un traffico d’organi con Nigro e Stendardo dove riesce a scambiare un polmone per il premio “Migliore in campo”.

CORRI FORREST GUMP CORRI VOTO 6.5

TONI GARCIA

Toni Garcia 5.5: prestazione non brillantissima oggi per “Speedy Gonzales” che dopo aver giocato in Spagna, Slovacchia e Gibilterra decide che per il salto di qualità bisogna ripartire dalla serie C italiana.

A Cosenza aveva disputato una partita da Emanuele Giaccherini, oggi era più Leo Gullotta nella partita del cuore “Cantanti” vs “Conduttori”.

TENGO LA CAMISA NERA VOTO 5.5

FABRIZIO LO SICCO

fabrizio-lo-sicco

Fabrizio Lo Sicco 5: papagni decide di affidargli per la seconda volta consecutiva le chiavi del centrocampo e lui risponde con una prestazione tale da non volergli affidare più manco una ricarica da 5€ della Tim.

Certo, i compagni non lo aiutano molto e lui vede la palla solo negli highlights di Studio 100 a mezzanotte ma si sa il centrocampo è un ruolo delicato, come lo era Cejas (nostalgia canaglia)

FRUTTOLO ALLA PERA VOTO 5

ELIO NIGRO

Elio Nigro 6: così duttile a centrocampo nel ricoprire ogni ruolo che Papagni lo usa anche come pedina di scambio per sbloccare il 46’ livello di Candy Crush.

Per ogni contrasto che vince un nuovo tipo di droga viene scoperto nella serie tv “Narcos”.
La qualità nei piedi pari al film “Avatar” proiettato su un Windows ’94 in bianco e nero, riesce a correre per tutto il campo nonostante Dio gli abbia messo delle tartarughe di mare al posto dei piedi ma sti’ cazzi, noi vogliamo gente che lotta.

O’TRACK VIVE VOTO 6

MAURO BOLLINO

Mauro Bollino 5.5: ogni volta che tocca palla, la giocata “live” sul Taranto viene bloccata in 27 centri scommesse. Corre, dribbla e cerca di inventare ma oggi il sinistro l’ha lasciato in un night di Cosenza insieme a Cedric che non si sa che fine abbia fatto.
Al 55’ decide di rendere la vita più schifosa a quelli che si erano giocati l’Iphone 7 sull’1 del Taranto sparando addosso al portiere da una posizione più semplice del primo livello di Soccer Hero.

BESTEMMIATO VOTO 5.5

SIMONE MAGNAGHI

simone-magnaghi

Simone Magnaghi 5: Non mi va di scrivere niente.

Cioè, qua due sono le cose:
-O contro il Melfi in Coppa Italia avevo giocato troppo a Pokemon Go ed ho confuso la doppietta di Magnaghi con quella di Higuain contro il Sassuolo.
-O qualcuno stè disc puttanat.
Più appesantito di Pistorius dopo il processo per omicidio, sono più i like che prendevo io agli stati Facebook del 2009 quando scrivevo: “Buongiorno, palestra oggi: D”, che non le occasioni create dal numero 9.
Grazie a lui oggi 4 bestemmie nuove sono state inventate in Curva Nord e l’account Twitter di Papa Francesco è stato immediatamente chiuso.

“È INTELLIGENTE MA NOM SI APPLICA” VOTO 5

PIETRO BALISTRIERI

Pietro Balistrieri 6: come ogni partita Papagni, sotto consiglio dei veggenti di Medjugorje, decide che per la pace nel mondo bisogna sacrificare Balistrieri con le sponde e i falli da dietro.

Al 30’ del primo tempo i Ris trovano un pezzo di scapola corrispondente al numero 11 sotto la gradinata, così Papagni è costretto ad optare per il cambio.
Se per ogni sponda effettuata da Balistrieri si vincesse 1€, domani probabilmente riuscirei a pubblicare su Instagram la foto dell’Iphone 7.

ISACCO VOTO 6

ALESSIO VIOLA

Alessio Viola 5.5: entra e decide la partita come la deciderebbe utilizzare la liquirizia del “Liuk” come arma di difesa in una rissa tra serbi in un pub russo.

INUTILE COME LA R NELLE MARLBORO VOTO 5.5

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *