albero-natale

Al Natale 2016 di Taranto ci abbiamo pensato noi e Made in Taranto!

Natale 2016 non è come ce lo eravamo immaginato. Le strade sono buie e tra i cittadini e i commercianti tarantini serpeggia la delusione. Eppure, malgrado le difficoltà dovute ad una burocrazia machiavellica, c’è chi si è rimboccato le maniche.

Quando si dice “l’unione fa la forza”, mica le chiacchiere. Nonostante le ombre che l’amministrazione tarantina fantasma ha gettato su questo Natale e nonostante il girone infernale degli ignavi conti più di qualche peccatore, insieme all’associazione di imprenditori e commercianti Made in Taranto siamo riusciti a ravvivare alcune strade della città.

Ora, non starò qui ad elencarvi le azioni inconcludenti delle istituzioni o a contare gli ostacoli eretti tra una buona idea e l’altra, mi focalizzerò piuttosto sulle intenzioni e intuizioni positive di chi – pur vivendo un periodo storico ed economico poco florido – ha messo mano al portafoglio e ha deciso di finanziare alcune delle iniziative che, nel mese di dicembre, regaleranno alla città di Taranto un po’ di luce.

natale1

natale2

Si chiamano fatti, quelli a cui la terra dei due mari (satura di parole, poche opere, omissioni) è poco abituata. Si chiama pure desiderio di non restare inermi di fronte ad un menefreghismo agghiacciante, di fronte ad un abuso di potere inspiegabile.

Ergo, a partire da ieri – domenica 11 dicembre – le principali vie dello shopping del Borgo umbertino hanno visto sfilare un giocoliere-trampoliere e due “bande di strada”: la “Street band“ e la “Babbo band”, che hanno deliziato i presenti, tanti, tantissimi, con il loro festoso repertorio, un gioioso mix con i generi musicali più trascinanti e le tradizionali melodie natalizie che hanno strappato decine di sorrisi, hanno alimentato la speranza e alleggerito lo spirito.

natale3

Non è finita qui, però. Sabato 17 dicembre l’animazione si sposterà in Via Liguria e piazza Sicilia dove, oltre alla “Babbo Band”, per i più piccini ci sarà anche un laboratorio di attività di manualità con la realizzazione di lavoretti a carattere natalizio e un angolo con la narrazione di favole originali ad opera di una giornalista salentina; domenica 18 dicembre la “Babbo Band” percorrerà invece via Cesare Battisti. In questo periodo, inoltre, alcuni negozi di alimentari realizzeranno la “spesa solidale” mediante la quale i clienti potranno acquistare qualcosa da donare a famiglie bisognose.

E’ solo un assaggio, certamente, ma ti assicuro che lo spirito propositivo e costruttivo ha fin dall’inizio caratterizzato l’iniziativa di Made in Taranto e sia io che Gianluca Lomastro abbiamo “buttato il cuore” oltre l’ostacolo aggregando persone e aziende che, in un territorio segnato dal dogma “io so’ meghhie di te”, mi pare già un miracolo.

Ora, non è troppo tardi per partecipare a questo Natale tarantino che ci sentiamo più che mai nostro e che – al di là delle delusioni e dei butti di veleno, come si dice dalle parti nostre – ha raccolto fino ad ora volontà e buoni propositi.

E la forza, il coraggio, la caparbietà mia, di Gianluca, dei commercianti Made in Taranto, del Teatro Orfeo, il contributo della BCC San Marzano, valgono più di qualsiasi luminaria spenta. Perché poi, alla fine, sono le idee a fare la differenza. Quella vera.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *