luca sinopoli

Luca, l’imprenditore tarantino che ha cambiato la sua vita con il Web!

Luca Sinopoli è un giovane imprenditore tarantino, amministratore unico di Mediabrand e, grazie a quello che ha creato, è un esempio per i ragazzi del nostro territorio. Vi spiego perché.

“Faccio un po’ fatica a parlare di me, ma ci proverò”. Maglioncino casual, occhialini nerd (ma nemmeno troppo, to be honest) e capello brizzolato. Luca Sinopoli è giovane, ambizioso ed è amministratore unico di Mediabrand, agenzia di Web Marketing tarantina fondata nel 2005.

L’ho conosciuto più di un anno fa Luca, l’ho conosciuto meglio ultimamente. E quando mi ha chiesto cosa pensassi della sua agenzia gli ho detto che ne avrei scritto. Ne avrei scritto per un semplice motivo: perché la storia di Luca, oltre a rappresentare uno spaccato importante del tessuto imprenditoriale locale, è un messaggio di speranza.

Per cui, vi suggerisco di spendere 5 minuti per leggere il pezzo e conoscere il percorso di questo giovane talento che, malgrado la discrezione, la timidezza e la sensibilità che si annida nei mezzi sorrisi che riserva quando gli vengono fatti dei complimenti, è riuscito non senza forza a dare forma al suo sogno.

Un sogno che coltiva dai tempi dell’università, da quando cioè studiava Economia e – tra un’arringa e l’altra nelle vesti di rappresentante d’istituto – divorava libri di informatica. A quel punto, dopo ripetute masturbazioni emotive, Luca capisce che le sue anime – quella creativa e quella scientifica – avrebbero potuto convivere rispettandosi vicendevolmente. Accade così che nel ’99 (cioè 18 anni fa, quando ancora ci facevamo gli squilli), inizia a dedicarsi al Web Marketing. A soli 3 esami dalla laurea – “l’Università mi annoiava” – decide di compromettersi per creare qualcosa che desse alle aziende la possibilità di trarre benefici con il digitale.

Apre la partita IVA e – tra paure, consapevolezze a metà e lo spirito da fanciullino pascoliano che ancora oggi lo accompagna (il suo ufficio è un museo in miniatura di supereroi e pellicole d’autore) – inizia a lavorare. Lavora sodo, Luca, lavora in compagnia di Nuvola, il suo gatto, e con 400 euro mette su Mediabrand nella stanza dell’appartamento dei suoi genitori, ai quali Luca è grato. E lo è specie a suo padre, Saverio, che ha avuto un ruolo determinante nel suo percorso e che, all’età di 7 anni, gli regala un Commodore 16.

Quando finalmente accumula i guadagni iniziali, Luca decide di investirli per assumere il suo primo collaboratore. Arriverà il secondo, poi il terzo, il quarto e così via.

luca sinopoli2

“Bisogna puntare sull’ingegno delle persone, indipendentemente dalle risorse del territorio. Bisogna formare le piccole e medie imprese locali e risolvere questo problema ancestrale dell’analfabetizzazione informatica – dice Luca – perché le strade che il Web apre sono infinite”.

In questo senso, Luca Sinopoli è stato lungimirante poiché ha saputo cogliere la tendenza del mercato costruendo opportunità per le aziende. “Io lo so cosa accadrà fra 12 anni – aggiunge – così come 12 anni fa sapevo cosa sta accadendo oggi.”

E, consentitemelo, non è spocchia; si chiama consapevolezza, studio, intuizione: i 3 valori aggiunti di Mediabrand che, oltre a fornire Consulenza Web Marketing e realizzazione di Siti Internet ed essere l’unica agenzia certificata Google a Taranto e tra le poche in Italia, è un esempio positivo.

“Spero che la situazione cambi – conclude Luca – e spero che i giovani capiscano che il lavoro va creato. Abbiamo l’urgenza e la necessità di credere in qualcosa, investire per fare in modo che i sogni diventino realtà”.

Abbiamo la necessità e il dovere morale di accollarci la responsabilità di rischiare ed eventualmente fallire, per non trascinarci nel futuro il rimpianto di non essere stati abbastanza coraggiosi.

E come direbbero quelli che fanno questo mestiere, mettete un bel “like” alla pagina Facebook di Mediabrand. Oppure, se proprio vi avanza qualche minuto dei 5 di lettura previsti, fatevi un giro sul Sito dell’Agenzia.

Byte e abbracci!

 

1 commento
  1. Carlo
    Carlo dice:

    Luca sono felice per te che in una città di lavoratori dipendenti sei riuscito a realizzare il tuo sogno, fare imprenditoria a Taranto e difficile più di qualsiasi altra città, per il motivo che ho citato prima, io sono un pensionato ilva di anni 64 che per mettermi alla prova faccio l’imprenditore mi occupo di ingredienti alimentari nutraceutici,lo faccio perchè amo la ricerca, non è cosa facile perchè occorre strutturarsi bene e avere un bel po di soldi da investire.Mi fermo sperando di non averti annoiato però credimi quando vedo giovani come te che si realizzano sono felice,che dico di più.un caro saluto un forte abbraccio Carlo.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *