bcc san marzano

Taranto ha la sua banca del futuro: sempre più sostegno alle giovani imprese!

Taranto guarda al futuro grazie alla BCC San Marzano, che lancia il nuovo concept di filiale nel cuore della città dei due mari.

In un mercato complesso in cui persino i colossi online stanno “studiando dalle banche”, come recita un articolo recente de Il Sole 24Ore, per erogare moneta e prestiti alla popolazione c’è solo una strada che pare plausibile seguire: adattarsi ai tempi che corrono e non farsi schiacciare dal progresso, cogliendone piuttosto le opportunità.

E malgrado a più di qualcuno suonerà obsoleto il fatto che a Taranto – sì, proprio qui, la città dove “le cose arrivano sempre con 3 anni di ritardo” – la realtà è che una banca che al futuro guarda per davvero c’è ed offre concretamente sostegno alle imprese giovani.

Sto parlando della BCC San Marzano, costantemente in prima linea quando si tratta di iniziative tese a valorizzare il territorio (chi ci ha seguito sa che ne abbiamo già parlato in occasione dell’apertura del primo sportello di Equity Crowdfunding).

Ora, cosa sta facendo la BCC San Marzano? Ha, in sostanza, realizzato nuovi spazi della storica Filiale in Via Pupino nel cuore della città dei due mari. Un nuovo modello di Banca, che parte dalla riorganizzazione degli ambienti: luoghi eleganti ma familiari ed accoglienti, adatti al dialogo, all’incontro e alla comunicazione. Spazi simili ad agorà, con reception che privilegiano l’accoglienza, divanetti e poltrone che formano piccoli salotti. “Si tratta di aree progettate non solo per vendere prodotti – ha spiegato il direttore generale Emanuele di Palma – ma per migliorare la relazione e aumentare la conversazione con i clienti e tra i clienti, al fine di rendere piacevole e interattivo l’utilizzo dei servizi offerti, lasciando alla tecnologia l’operatività delle transazioni bancarie”.

Prima di parlare delle agevolazioni alle Piccole e medie imprese, una notizia economica…

Le attività di restyling vanno di pari passo con i decisivi cambiamenti di scenario determinati dalla riforma del credito cooperativo che vede confluire le oltre 300 Bcc italiane in 3 gruppi bancari nazionali. L’Assemblea dei Soci della BCC San Marzano ha deliberato all’unanimità – il 7 maggio scorso – l’adesione alla trentina Cassa Centrale Banca (CCB) come capogruppo del futuro Gruppo Bancario Cooperativo (GBC) – Credito Cooperativo Italiano – la cui operatività è prevista a partire dal 1° luglio 2018. Una scelta unitaria e convinta questa, che segna un cambiamento senza precedenti negli oltre 60 anni di attività dell’istituto di credito pugliese, tra i più accreditati del Mezzogiorno.
Stando alle previsioni che si basano sulle adesioni al 31 maggio di 110 banche, per una totalità di 1600 sportelli e 11000 dipendenti, il Gruppo Bancario Cooperativo CCB si posizionerà
tra i Principali Gruppi Bancari Italiani per attivo (al settimo posto con 70 miliardi di euro) e sarà il più solido (con un CET1 del 16,3%). In Puglia, dove la BCC San Marzano è riconosciuta tra le prime banche per redditività, sono 8 su 24 i player a sostenere il progetto trentino, rappresentando il 60% in termini di attivo patrimoniale sull’aggregato regionale del credito cooperativo.

Le novità in BCC San Marzano riguardano soprattutto le strategie commerciali della banca che conta 10 filiali, 2570 soci, 110 dipendenti, oltre 25000 clienti, un patrimonio che sfiora i 50 milioni di euro, un utile netto d’esercizio di 3,5 milioni e un CET 1 – indice di solidità per eccellenza – pari al 21,7%, tra i più alti in Italia.

thumbnail_DSC_0114

Ma veniamo alle giovani imprese pugliesi!

Nonostante non abbia mai familiarizzato con i numeri, se c’è un dato che non ammette ignoranza e scompensi è quello che riguarda le piccole e medie imprese del meridione, che hanno registrato una crescita del 2,3%. In particolare, la Puglia si è piazzata solidamente al secondo posto nel Mezzogiorno per dimensione del sistema delle Pmi.

In questo contesto si inserisce il Welcome Impresa: il nuovo finanziamento con un tasso riservato alle micro e piccole imprese, che prevede ulteriori agevolazioni per gli imprenditori di età inferiore ai 40 anni. Non chiacchiere, bensì fatti di cui la BCC San Marzano si fa portavoce garantendo, tra le altre cose, non solo il potenziamento della multicanalità e dei servzizi web (un’inversione di tendenza sacrosanta rispetto alla tradizione dello sportello fisico; dobbiamo pur sempre considerare il processo di cambiamento di cui all’inizio del pezzo), ma anche assistenza sia lato idee che lato investimenti.

E ce lo so che ti stanno prudendo mani e piedi e che vorresti correre in via Pupino per vedere la nuova banca del futuro. Nell’attesa, fatti un giro online su https://www.bccsanmarzano.it.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *