sant'antonio

L’ex convento di Sant’Antonio viene restituito alla città di Taranto!

È un gioiello nel cuore di Taranto l’ex convento di Sant’Antonio, che è stato finalmente restituito ai cittadini.

Quando ho messo piede per la prima volta qualche mese fa nell’ex convento di Sant’Antonio ne sono rimasta affascinata ma, sopra ogni cosa, incredula. Incredula per il fatto che Taranto custodisca opere e gioielli storici e architettonici di cui abbiamo ben poca consapevolezza. E’ il caso dell’edificio in oggetto, che fino a qualche mese fa era ancora divorato dalla polvere, dalle transenne e dai tufi fino ad oggi, tornato finalmente a risplendere con la direzione dell’architetto Augusto Ressa e la gestione scientifica dell’archeologa Antonietta Dell’Aglio.

Fu costruito nel XV secolo per volontà del Principe Giovanni Antonio Orsini l’ex convento di Sant’Antonio in via Viola e i lavori furono portati a termine fra il 1444 e il 1448. Nel 1597 i padri Riformati ottennero il convento dai frati della Regolare Osservanza e avviarono le prime modifiche, che comportarono la distruzione di parte delle strutture quattrocentesche.

Le varie destinazioni d’uso cui fu oggetto l’ex convento, in particolare negli anni dell’utilizzo a carcere, col tempo finirono col cancellare molte tracce del suo passato, soprattutto a farne le spese fu la chiesa. Quest’ultima, per la semplicità delle sue linee, era ricordata come un gioiello del gotico pugliese, con una facciata monocuspide che pare fosse una copia fedele di quella di San Pietro Imperiale, con un grande rosone a raggiera adorno di figure.
Alcuni ambienti dell’ex convento, la cui facciata è tornata all’originaria bellezza, accolgono oggi la sede tarantina della Croce Rossa Italiana e alcuni uffici della Soprintendenza.

22007609_1862352900458840_6728285976725736749_n

Sia oggi che domani, martedì 26 settembre, nel chiostro andrà in scena il Barbiere di Siviglia di Paisiello. L’idea nasce dalla sinergia tra gli Amici della Musica e la Soprintendenza e rinforza quella sete di cultura che Taranto ha il dovere, prima ancora che il diritto, di assecondare.

E noi non vediamo l’ora di riempire cuore e occhi con così tanta straordinaria bellezza!

Inizio: ore 21 – info: 099 73039725

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *